.
Annunci online

Le Microconcordanze nascoste
post pubblicato in Diario, il 23 novembre 2008
C’è una parte della creatività che sfugge a ogni controllo. È quella che poi probabilmente va a stratificare i non-detti, gli impliciti, le significanze (ciò che può significare qualcosa, ma non si sa esattamente cosa), le ellissi, le ombre dei testi. Per quello che mi riguarda – forse l’ho già detto in altre circostanze – è questa la parte che di ogni rappresentazione (sia essa sotto forma di libro, film, spettacolo o semplicemente discorso) più mi allarma e mi ammalia.

Nei vuoti, nelle pause tra il dire e il fare (a volte sono oceani, altre volte piccole pozzanghere, bicchieri d’acqua) puoi perderti e pescare, quasi per caso, la parte incontrollata delle volontà creative.

Piccolo caso a questo proposito: riflettevo stamani in funicolare sui nomi dei personaggi che abitano Il LA perfetto. Mi chiedevo: chi di questi personaggi ha un nome pari a un settenario? Nessuno… poi mi sono accorto che Beniamino Carmatore è un ottonario, così come lo sono Evelina Millenotti ed Eloisa d’Epìtteto… gli amici di Carmatore sono quinari: Max Fantastico,  Peppe Cavanza, Nenzy Calore, Graziana Emme e Cicco Angelone (contando la sineresi)… quaternari sono Gino Emme e Carlo Soma. Ripensando alle relazioni e alle simmetrie che corrono tra questi personaggi, queste microconcordanze metriche (che nelle nostre intenzioni coscienti non erano presenti) mi sembrano molto appropriate. E questo è quanto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Il LA perfetto creatività significanza

permalink | inviato da ubumax il 23/11/2008 alle 16:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Mestieri anarchici
post pubblicato in LE PAROLE DEGLI ALTRI, il 18 aprile 2008

[…] Aprì loro la porta della stanza numero nove, sulla quale stava scritto: “Anonimo. Anarchico. Inventore di mestieri…”

Furono accolti da un omino di età indeterminata, calvo, con occhiali spessi sotto le folte sopracciglia nere. […] Alessandro e Teresa, con i capelli ritti e i piedi gelati, ascoltavano quel personaggio stravagante, perduto in un quartiere miserabile di Santiago del Cile.

[…] “Noi non siamo di quegli anarchici che si ribellano contro Dio, la Scienza e lo stato. Nulla di tutto questo. Siffatta lotta procura al povero solo un diluvio di legnate e di pallottole. […] Ma sedetevi, vi spiegherò meglio…

[…] Noi, manodopera, invece di continuare ad essere sfruttati dai ricchi, dobbiamo scoprire come sfruttarli a nostra volta, naturalmente senza derubarli. No, no. Dobbiamo agire dove loro non possono né sanno farlo. Questa non è una soluzione per la maggioranza, ma solo per pochi pidocchi di talento. Il maiale deve mangiare rifiuti per far carne. I pidocchi, senza sporcarsi, succhiano il sangue del maiale. Bene, quando si arrostisce il maiale, si bruciano anche i parassiti… perché sono stupidi. Avrebbero potuto saltar via in tempo e passare sulla testa dei macellai. Ma veniamo al punto: il potere non è creativo, e i ricchi si annoiano. Possiedono tutto tranne che loro stessi. Ed è logico. Per trovare se stessi bisogna lasciare tutto, e loro al contrario si stanno appropriando di tutto. Chiaro?

Alessandro e Teresa, sbattendo le palpebre, dissero con convinzione esagerata: “Chiarissimo, signore!”

[…] Fare un mestiere normale significa perdere la libertà. Bisogna fare mestieri sconosciuti, che non abbiano a che vedere con la vita materiale, ma che producano stati di coscienza. […] Per fare questo non ci serve altra materia prima che la fantasia.

[…] Il saltimbanco portò Teresa e Alessandro in giro per la casa, presentandoli ai membri della Società dei Liberi Fratelli. Conobbero il “disinfestatore di specchi”, l'"addolcitore di vuoti", il "correttore di ombre", il “professore di invisibilità”, il “biologo fantastico, inventore di corpi”, il “pagliaccio funerario” e molti altri che non poterono spiegare in cosa consistesse la loro attività… […] prima però erano almeno riusciti a capire cosa faceva il “domatore di nei”.

[…] Il domatore suonava un tamburello e sbarrando gli occhi che avevano uno strano luccichio ordinava al neo di spostarsi. In effetti molte signore desideravano avere il neo accanto alla commessura delle labbra, o sulla guancia, o fra i seni o anche in posti più segreti. All’incauta cliente si assicurava che, dando tempo al tempo, la macchia si sarebbe spostata, millimetro per millimetro, fino a posizionarsi nel punto desiderato. Ovviamente il tamburello, lo sguardo brillante e gli ordini ipnotici del domatore non bastavano. La cliente doveva anche pregare con fede. […] Se la signora si stancava per il gran numero di sedute richiesto e cominciava a lamentarsi per la lentezza dei progressi, il domatore si stringeva nelle spalle come se l’avessero offeso a morte, e rispondeva che la colpa non era sua ma della preghiera senza fede… […] A volte, molto raramente, i nei si spostavano davvero.

[…] (Alessandro) respinse la proposta dell'Anarchico e non addolcì vuoti né corresse ombre, ma gli propose invece di svolgere la sua missione calzaturiera in maniera ben diversa dal solito, ossia confezionando scarpe su misura al servizio non solo dei piedi ma anche dell'anima. E senza un prezzo fisso. "Che ogni cliente paghi ciò che vuole o può. Questo lo costringerà a un esame di coscienza, a scegliere tra dare il minimo, il giusto o il massimo, il che gli servirà a conoscere se stesso". All'Anarchico piacquero tali idee e insignì mio nonno del titolo di Calzaturologo.


Alejandro Jodorowsky, Quando Teresa si arrabbiò con Dio, Milano, 2002.

Sfoglia ottobre        dicembre
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca