.
Annunci online

Delvedere
post pubblicato in IL LA PERFETTO, il 30 giugno 2008
I ciechi mi hanno sempre affascinato. Da piccolo - ma credo che chiunque abbia fatto questo gioco - chiudevo gli occhi per vedere se riuscivo a camminare al buio. Ne ho collezionati di bomboloni sulla fronte e sulle rotule. Mio nonno Oreste mi diceva sei scemo ma poi quando gli spiegavo cosa facevo, allora ci provava pure lui. Giocavamo a fare i ciechi e credo che la cosa gli sia risultata utile quando poi cieco lo è divenuto per davvero. Bubboli a parte, cercavo di capire cosa vedessero i ciechi, sentire come sentono i ciechi, tastare i pensieri di un cieco. Pensieri più densi, voci più dense, qualcosa di più denso hanno i ciechi. È così. Quando qualcosa viene meno ecco che se ne potenzia un'altra, perché la giusta quantità del sentire possa nuovamente equilibrarsi ed esprimersi nel pieno delle sue possibilità. Questo è quello che dice Max…

- L'organismo, fin quando può, compensa sempre, si autoripara molto più di quanto non si potrebbe fare con interventi esterni… e se l'organismo non può riassorbire la sua disattenzione, è molto difficile che altri possano qualcosa…

Insomma, Max, da grande medico quale è, dice che la malattia se è guaribile, guarisce da sola e se inguaribile, è inguaribile…
Ma insomma, un medico che dovrebbe fare?

- Osservare, cercare di capire e amabilmente conversare per aiutare a capire anche il diretto interessato quale opportunità di conoscenza la malattia stia cercando di offrirgli.
- E basta?
- In certi casi, tentare l’agevolazione di un miracolo che qualche volta, per benevola congiuntura superna, riesce, alla faccia dei miscredentes…

E questo è Max. E per questo si chiama Fantastico.
 
Carlo Soma non è dello stesso parere. Lui ha fede infinita nel Camice Bianco e terrore da fine millennio per ogni malattia. Dell'ipocondria ha fatto uno stile di vita e se avesse potuto, ne avrebbe fatto una professione. E così, quando l'oculista gli ha diagnosticato un inizio di presbiopia, è corso alla Fondazione per non vedenti Guardascione e si è iscritto come socio sostenitore dice non si sa mai. La settimana scorsa ha tanto insistito perché lo accompagnassi al Pranzo di Beneficenza offerto dall'Istituto e io sono andato e bene feci, perché vidi cose che mai avrei potuto immaginare di poter vedere…


(continua)

mm e ndf, Il LA perfetto, 2006.
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vedere medici malattia cecità

permalink | inviato da Max Maraviglia il 30/6/2008 alle 22:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        luglio
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca