.
Annunci online

La migrazione dei solitari
post pubblicato in Diario, il 27 agosto 2008
In questi ultimi giorni ho avuto modo di riflettere su un aspetto della blogsfera sul quale non avevo posto prima sufficiente attenzione. Qualche tempo fa, scherzando (mica tanto) con un mio caro compagno di liceo, gli dissi che avevo un irrefrenabile desiderio di emigrare su un altro pianeta. Bene: mi sono accorto che nella blogsfera si stanno costituendo invisibili colonie di persone, tendenzialmente restie alla rissa, alla ressa, al follame, all’anestesia totale, all’afasia e a tutto quanto abbassa il grado di insostenibilità dell’esistenza allo stato grezzo. Persone che cercano e trovano, coltivano interessi, amici, letture, scritture, passioni, affetti, fedi, idee e quant’altro si renda utile a restituire alla vita (per quanto sia possibile) una consistenza sensata e musicale. Sembrerebbero la minoranza, ma mi piace pensare che il mondo sia pieno di persone così, lo è sempre stato forse, forse lo sarà sempre. E se la catastrofe irreversibile non è ancora avvenuta, probabilmente, è perché queste persone, inconsapevolmente o "irragionevolmente" e con le cerbottane di cui dispongono, stanno difendendo il mondo. Da un altro pianeta parallelo e non molto lontano da questo, lontano quel tanto che basta a non addormentarsi del tutto.


Oggi solitari, voi che vivete separati, voi sarete un giorno un popolo. Quelli che si sono designati, essi stessi formeranno un giorno un popolo designato ed è da questo popolo che nascerà l’esistenza che supera l’uomo”.

(Vuoi vedere che Nietzsche aveva ragione?)



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blogsfera

permalink | inviato da Max Maraviglia il 27/8/2008 alle 22:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
Il sublime in una cassa di pioppo
post pubblicato in LE PAROLE DEGLI ALTRI, il 21 agosto 2008
Il 30 di ottobre 1801, per ordine della regia amministrazione borbonica, veniva riconsegnata agli eredi di Eleonora de Fonseca Pimentel una cassa di pioppo contenente i beni confiscati  dalla Giunta di Stato alla nobildonna giacobina. Poco più di due anni erano trascorsi dalla sua impiccagione in Piazza Mercato. Sua cognata, Donna Nicoletta (moglie di don Michele de Fonseca Pimentel) apre la cassa sperando di aver trovato, finalmente, l’occasione buona per aiutare marito e cognato (in quel momento detenuti nelle Regie prigioni) con l’eredità di Eleonora. Speranza vana: la cassa conteneva solo pochi effetti personali di nessun valore.

Maria Antonietta Macciocchi, che alla figura della rivoluzionaria portoghese ha dedicato un libro, scrive a proposito di questo episodio:

Decifrando, non la descrizione degli oggetti [la cassa era accompagnata da una lista del suo contenuto, stilata da un qualche burocrate del Tribunale, ndr]  ma il messaggio che quelle cose mi inviavano; ho cercato di mettere in rapporto l’etica con i simboli terrestri: una gonnella di raso nero, un cappotto di contrino, una borsa di damasco, nel rintracciare la storia singolarmente eroica della marchesa giacobina. Che importanza hanno un cucchiaio d’argento, una sciarpa nera usata, un manicotto spelato, una borsa di damasco, un paio di scarpe rotte? […] Quegli oggetti tanto più miseri quanto più dettagliati con solennità burocratica, mi rinviavano alla figura morale di una donna. Mettevano in rilievo, e in chiaro, ai miei occhi, quel difficile pensiero di Kant: “Il sublime è una finalità senza fine”.

M.A. Macciocchi, Cara Eleonora – Passione e morte della Fonseca Pimentel nella Rivoluzione Napoletana, BUR, 1998, p. 26.


Altro che “resto di niente”.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sublime rivoluzione

permalink | inviato da Max Maraviglia il 21/8/2008 alle 9:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
L'eterno rinnovo
post pubblicato in LE PAROLE DEGLI ALTRI, il 15 agosto 2008
Non c’è nulla di antico sotto il sole.
Tutto accade per la prima volta, ma in un modo eterno.
Chi legge le mie parole sta inventandole.

J. L. Borges, La felicità


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. eterno felicità

permalink | inviato da Max Maraviglia il 15/8/2008 alle 23:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
A quelli che sono in viaggio
post pubblicato in Diario, il 8 agosto 2008
Perché di un viaggio possa compiersi il suo senso più profondo, è necessario che esso smentisca il suo obiettivo. Si parte per cercare qualcosa e se ne trova un'altra, e questa è la natura essenziale di ogni viaggio che possa dirsi tale.

mm, Manuale distruzioni


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. viaggio

permalink | inviato da Max Maraviglia il 8/8/2008 alle 23:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Per completare il discorso di Darwin
post pubblicato in LE PAROLE DEGLI ALTRI, il 4 agosto 2008
Il perfezionamento della specie non consiste in altro che non sia il miglioramento delle sue attitudini fisiche, intellettuali e morali. Il primo di questi miglioramenti fa sì che il soggetto diventi capace di sopravvivere e di mantenersi nelle condizioni di sopravvivenza più diverse. Il secondo, che diventi capace di risolvere i problemi che gli vengono posti, per quanto difficili possano essere. Dal punto di vista conoscitivo, i problemi più difficili sono quelli la cui risoluzione richiede l’integrazione o l’armonizzazione delle premesse più eterogenee. L’intelligenza aumenta con l’aumento delle capacità di porre in relazione gli elementi più lontani tra sé. Il terzo ed ultimo miglioramento consiste nel diventare capaci di armonizzare gli stati dell’anima più strani e contrapposti.

Ignacio Gomez de Liano, Sul Fondamento, Mondadori, 2003, p. 89.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. evoluzione

permalink | inviato da Max Maraviglia il 4/8/2008 alle 23:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Logiche politiche applicate alla ricerca scientifica
post pubblicato in LE PAROLE DEGLI ALTRI, il 1 agosto 2008
Uno scolaro, formulata l’interessante teoria che i ragni odono con le gambe, si disse in grado di dimostrarla. Collocò un ragno al centro di un tavolo e gli gridò: “salta!” Il ragno saltò. Ripetuto con successo l’esperimento, il ragazzo tagliò le zampe al piccolo animale e lo ricollocò al centro del tavolo. Gli gridò di nuovo: “salta!” ma questa volta il ragno rimase immobile. “Ecco - proclamò il ragazzo - tagliate le zampe ad un ragno e questo diventerà sordo come una talpa!”

Edward De Bono, Il pensiero laterale, BUR, 2003

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mistificazione

permalink | inviato da Max Maraviglia il 1/8/2008 alle 23:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio        settembre
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca