Blog: http://cantieristupore.ilcannocchiale.it

Le città improbabili - Reuìnda

È detta anche “Città della Moviola”, perché da anni il Governo Locale ha reso istituzionale l’uso di questo strumento per tutti i cittadini che, una volta ogni tre mesi, sono obbligati alla cosiddetta “sessione di verifica”. La sessione dura un giorno intero, si svolge in cabine da un minimo di due a un massimo di cinquanta posti a sedere. I reuìndani si accomodano e possono osservare – grazie a un sistema di ripresa totale che ha registrato tutti i movimenti, tutte le loro azioni e il loro dire, negli ambienti più diversificati – il brano della loro esistenza risalente ai tre mesi precedenti, nei minuscoli dettagli. I più stolti hanno da ridire sul fatto che questo strumento non aiuti affatto a modificare il passato, quelli più attenti sanno che può almeno migliorare il futuro.
Guardando i dettagli sfuggiti, riflettendo sui piccoli particolari che la moviola esalta, più d’un reuìndano si è accorto del fatto che non sono mai i grandi errori a distruggere le esistenze, ma piccole omissioni, piccole sbadataggini che messe di fila l’un l’altra, generano grandi disastri. Il minuscolo errore, quello che si annida ogni volta in cui viene da dire “che importanza vuoi che abbia…”
Per questo ogni reuìndano puro ama dire che una vita buona è quella tratteggiata da punti di non-ritorno, da piccoli errori fatti una sola, massimo due volte.

(da Le città improbabili, 2009)

Pubblicato il 5/7/2009 alle 1.50 nella rubrica LE CITTA' IMPROBABILI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web